poesie in lingua siciliana

POESIA:-

NUN T’ASPITTARI NENTI

“” NUN T’ASPITTARI NENTI! “”

 

Scugnatu nasu

allorda
funcia e pitturina.

Li gammi
nun mi reggino in pedi
cadu ‘nterra
senza putiri
dumannari aiutu
picchì..svinii !

Chiovi e tira ventu,
L’acqua e lu friddu
mi trasinu nill’ossa..

Rivinni…
ni la chiazza
di lu paisi 

Traduzione:- Non ti aspettare niente
Sanguinante naso (segno di debolezza)
sporca
bocca e petto.

Le gambe
non mi reggono
in piedi,     (in conseguenza della debolezza)
cado a terra
senza poter
chiedere aiuto
perchè..svenni.

Piove e soffia il vento,
l’acqua e il freddo
mi entrano nelle ossa
( si sottolinea le condizioni gravi, ma anche di soluzione)

Sono Rinvenuto….  (l’estremità di disagio e abbandono, fa reagire il corpo)

nella piazza  ( significativa chiusa)
del paese

P.S.

Voglio evidenziare l’indifferenza , anche con una forma provocatoria…
parlo di me, per non parlare degli altri ,

ma la cosa si potrebbe estendersi alla società attuale

…come debolezza…in genere,,, di chi ha bisogno..

-.-.-.-…-…-.-.-.-.-.-.-.–..-.-..-.-.-.-.–..-.

me nannu

 

ME NANNU (MIO NONNO)

Iettatu supra ‘u divanu
arriposa l’ossa
‘nchiusu tra muri scuri
annichilisce l’amuri
pi na vita travagghiata.

Ni lu mari annigghiatu
cunnuci li so pinseri
nun c’è ventu chi sciuscia
e lu pinseri stagna.

Nill’occhi virdi mari
un lampo ci vitti
mi parsi di sentiri
un suspiru d’amuri

“o na’ tutta a postu”
– Si ..tutta a postu –

Dedicata a mio nonno

Traduzione

Buttato sopra il divano

arriposa l’ossa

racchiuso tra muru scuri

sente poco interesse

per la sua vita piena di vicissitudini .

Nel mare annebbiato (della sua mente)

ricorda  , non c’è vento (ricordi che vanno arilento)

e il pensiero stagna .

 

Negli occhi verde mare

un lampo io ho visto

mi è semrato di sentire

un sospiro d’amore.

OH nonno , tutto tranquillo

-Si..tutto tranquillo-

poesie in lingua sicilianaultima modifica: 2014-05-29T17:42:56+00:00da hooks46