Poesia a 4 mani

847054381_1925276

(POESIA A 4 MANI -IO E ROCRISA)

NON TI SCORDERÒ AMORE

Vecchie parole

nascoste in un cesto
tra le cianfrusaglie
nella cantina del cuore,
la polvere del tempo
ne sbiadisce i valori

ma lume d’amor

accende le bianche speranze
come bandiere vermiglie
cadenzano al ritmo
di un sentimento nato
e mai vinto dall’ultimo respiro

vola fra i ricordi

L’amor vero
è l’amor profano
che anima e corpo
ha incatenato

intreccia spine
e petali di rose
per adornarsi il petto

su orli d’ardore
ricama preghiere
e promesse eterne
mentre il crepitio del fuoco
alimenta la fiamma
di quell’orizzonte vermiglio

847718499_1077118

MEZZO BICCHIERE DI VINO

(Scritta Da Filippo Salvatore Ganci e Demetrio)

Nel mezzo d’un bicchiere vuoto
affoga la mia anima sobria
a ricordar luci e ombre
del bicchiere mezzo pieno.

Sarà l’età o questa società
che rimescola ogni dì il mio io
mentre stanco e ammalato
di riemergere son restio.

E mi rotolo urlo e sbraito
ribellandomi alla medicina
per poi cedere brillo e docile
alle parole della mia vicina.

Io dico che meglio guardar la vita
attraverso un bicchiere pieno
anche se la vita mi ha donato
un lercio bicchiere mezzo vuoto.

Nella banalità di un “detto”
colgo il diabete di vivere
che nella forzata rinuncia
m’offre declamata dolcezza.

Forse in me c’è tanto fiele oggi
che ho scordato l’amore
l’amore tenero per i figli
e l’amore per la mia donna

e ritorno a testa china al bicchiere
che par m’aspetti da sempre
mentre un occhio cerca il pianto
e la mano tremante lo regge

quel vino contemplato per ore
lo porto lentamente alle labbra
liquido severo che infiamma
bruciando i sensi e la gola

e confuso nel fumo dell’alcool
m’illudo di bruciare le pene.

Poesia a 4 maniultima modifica: 2014-07-23T14:18:50+00:00da hooks46