C’ERA UNA VOLTA

C'ERA UNA VOLTA

Così  scriverei 
l’inizio del racconto 
della mia vita
e alla fine, chiuderei
-…vissero felici e contenti…-

Non posso farlo…

Ferite emarginate
del mio cuore
segnano, il dolore
dell’incidere della vita

Nella clessidra del tempo
matura l’animo
e invecchia il cuore.

Saper cogliere
i frutti 
– al tempo giusto-
non è facile!

Solo la saggezza
di canuti capelli
potrà insegnarmi
il vivere passato..

Oramai… è tardi!
Sono stanco.

La mia terra

 


siciliaterramia_ps500x3

Terra di conquista da tanti popoli,
terra antica e di cultura,
terra piena di sole e di mare.

Luogo di unione di varie culture
In cui visibile tante strutture.

Oh! Terra mia,
che violenza hai vissuto,
e tanta gente,
la vita ha perduto.

Terra di eroi
e
uomini di grande cultura,
nascono in questa terra
immersa nella natura.

Terra piena di ospitalità,
Che ogni visitatore già sa.

Terra piena d’amore
Perché qui, conosce il dolore.

A tutti voglio dire:-
io in questa terra,
voglio morire

 

 

CUORE DI POETA

CUOREDIPOETA

Corre il bambino verso la mamma

picchia forte quel cuore nel torace

braccia protese lo rassicureran

dall’incognita di futura vita.

 

Sentimento conserva l’amore nato

e ne festeggerà ogni anno che passa

addobbandosi a festa l’animo suo

pieno di doni regalati dall’ amore.

 

Battaglie sul campo della vita

spesso ferireranno i muri del cuore

e qualche volta andranno in rovina

ma il tempo muratore li aggiusterà.

 

Così crescerà la poesia della vita

tra spine di rose rosse e cieli blu

dove affetti e passioni desiderate

in ogni cuore impronta lasceranno

 

Il mio cielo!

 

845567744_1590244

Nell’attimo del primo vagito,
il diario dell’universo
annota, sulla prima pagina
l’inizio della vita, scrivendone
in anteprima il destino.

Spesso guardo, il cielo
col naso all’insù a cercar
di leggere quel diario.

Costellazioni leggo, identificate
dall’uomo nel tempo antico,
figure create dalla fantasia
in quei ricami dell’universo.

Leggo gli aspetti
di mille combinazioni io,
provo a carpire
tra leggende e fantasie
qual’è la strada mia.

SPUMA DI MARE

ecard-spuma-di-mares2

Oscuro scoglio che riposi dolente

tra fasci di luce lunare e stelle

 scolpito da un leggero buffetto

di una maldestra onda insistente.

 Aspetta con ansia i colpi di frusta

 d’onda grande a svegliar dormiente

 ricordo d’un trascorso giorno caldo

 tra alghe, stridio di gabbiano e maree.

  Di sfondo sabbia d’oro a corona

 abbraccia la risacca ormai stanca.

 si odono dolci note musicali

 e vocio di signori in gran allegria.

Or loro ti fanno compagnia …

 Oh, dolce pensieroso scoglio

preso da silente malinconia.

  In questa notte particolare

 sotto una luna innamorata

 luccica sulla roccia argentata

 a consolar occhio che vede …

 La spuma di mare

 

 

 

 

 

 

 

IL TRAMONTO

IMMAGINE ALLA POESIA
IMMAGINE ALLA POESIA

IL TRAMONTO

Dolce tepore mi assale

vedendo il sole tramontare,

su orizzonti indefiniti

pieni di colori indescrivibili,

colgo attimi fuggenti

di una natura

poetica e travolgente

di cui “certo”

ne faccio parte.

Esempio

di bellezza e armonia,

dove
pensieri contemplativi
abbracciano

l’essenza di un DIO!

FIRMAweb300_c