L’Annu Novu (L’Anno Nuovo) Buon Anno!

 
http://tbn1.google.com/images?q=tbn:ms5N_0g1r20xaM:http://www.fotosearch.it/bthumb/csk/CSK218/KS13032.jpg
 
Nasciu!..nasciu la criatura!
accummigghiatu sta!
Tutti lu talianu e dicinu:
– Che beddu –
– Chi eni tranquillo! –
– Che bravu!-

Sulu lu nannu dici:
– L’assatilu crisciri,
poi…putemmu diri comu eni.
aggiungi la matri…..
– Li me speranzi su…
chi chissu e megghiu di latri! –
Si risenti lu patri e dici:
– I me figghi su tutti…
comu ammia, boni! –
facemo festa..
nun vattiamulu
primu di lu tempu!
Traduzione: L’anno nuovo
E’ nato!..è nata la creatura (neonato)
Molto coperta sta (sottolinea la

delicatezza)
tutti la guardano e dicono:
che beddu, ch’è tranquillo (non è

nervoso o piangente-vuol dire che sta

bene), ch’è bravo (riferendosi alla

positività della creatura)

solo il nonno dice -lasciatelo crescere.

poi..possiamo dire com’è (veramente)
aggiunge altro la madre:- Le mie

speranze che questo (figlio) è meglio

degli altri… si risente (dai discorsi fatti)

il padre (in quanto si mette in dubbio

sin da ora le qualità del figlio(e della

famiglia):- I miei figli sono come a me-

-Buoni (brave persone) [e per tagliare

il discorso]- festeggiamo… (finendo con

un ammonimento)…
Non Battezziamolo primo del tempo!
(detto dialettale per indicare…non

creamo altre personalità che per ora

non è il momento)

Aranci e Limuna

natura_morta_con_arance_e_brocche_cm_70x80.jpg
Aranci e limuna
China eni la campagna
di giallu splindenti eranciu duratu.
Comu lu suli i la matina  chiddu di la sira
‘mezzu lu virdi di li foggli e l’irbuzza frisca
tutticosi ccummigghiati i l’acquazzina
pari chi si lavano pi megghiu appariri
a lu sguardu disidirusu ‘un picciriddu
di passaggiu  a lu patruni
pì fallo priari.
 
 
Ricurdannu a tutti
zagari        udurusi,
ciavuriano ancora l’ariu
culura mediterrani
appartinenti a na’
isola spiciali
a me’ terra!

TRADUZIONE:-

piena è la campagna
di giallo splendente
e
arancio dorato

come il sole
della mattina
e
quello della sera

in mezzo al verde
delle foglie
e
l’erbetta fresca

il tutto
coperto
della brina

sembra che si lavano
per meglio comparire
allo sguardo desideroso
di un bambino
di passaggio
o al padrone (proprietario della terra)
per farlo rallegrare.

ricordando a tutti
zagare odorose
annusano ancora l’aria

colori mediterranei
appartenenti a una
isola speciale

Carnalivari ni lu paisi

 

carnevale1.jpgCarruzzuna culurati
pazziano nì li strati.

Mascarati,  ballanu
tarantelle e polke
ascutannu canzunature
di personaggi accunusciuti.

Ridunu a cripapeddi,
granni e picciriddi
sunannu trummette
e iettannu pittiddi,

dicennu a gran vuci
” Veni e balla,  cummia”
spittaturi,  ridi e rispunni:
”comu finisciu  di manciari
lu pani cu la sasizza”
e aisano
un biccheri di vino
pì brindari.

Bellu eni
accussi
participari

 

TRADUZIONE

(titolo:- Carnevale nel paese)

Carri colorati
impazzano nelle strade
(gente in)  maschera ballano
tarantelle e polke
ascoltando
canzonature su
personaggi conosciuti.

ridono a crepapelle
grandi e bambini
suonando trombette
e buttando coriandoli,

dicennu a voce alta
” vieni e balla con me”
spettatore,  ride e risponde:-
”come finisco di mangiare
il pane con la salsiccia!  ”
e alzano
un bicchiere di vino
per brindare.

E’ bello,
così
partecipare!

Nun T’aspittari nenti

Scugnatu nasu
allorda
funcia e pitturina.

Li gammi
http://farm3.static.flickr.com/2401/2253927704_6c03cd2a4c.jpg?v=0nun mi reggino
in pedi,
cadu ‘nterra
senza putiri
dumannari aiutu
picchì..svinii !

Chiovi e tira ventu,
L’acqua e lu friddu
mi trasinu nill’ossa..

Rivinni…
ni la chiazza
di lu paisi

Traduzione:- Non ti aspettare niente
Sanguinante naso (segno di debolezza)
sporca
bocca e petto.

Le gambe
non mi reggono
in piedi,     (in conseguenza della debolezza)
cado a terra
senza poter
chiedere aiuto
perchè..svenni.

Piove e soffia il vento,
l’acqua e il freddo
mi entrano nelle ossa
( si sottolinea le condizioni gravi, ma anche di soluzione)

Sono Rinvenuto….  (l’estremità di disagio e abbandono, fa reagire il corpo)

nella piazza  ( significativa chiusa)
del paese

Me nannu (Mio nonno)

JasperBeardley1.JPGIettatu supra ‘u divanu
arriposa l’ossa
‘nchiusu tra muri scuri
annichilisce l’amuri
pi na vita travagghiata.

Ni lu mari annigghiatu
cunnuci li so pinseri
nun c’è ventu chi sciuscia
e lu pinseri stagna.

Nill’occhi virdi mari
un lampo ci vitti
mi parsi di sentiri
un suspiru d’amuri

“o na’ tutta a postu”
– Si ..tutta a postu –

viewlogogfs.gif
 
 Dedicata a mio nonno
 
Traduzione
 

Buttato sopra il divano

arriposa l’ossa

racchiuso tra muru scuri

sente poco interesse

per la sua vita piena di vicissitudini .

Nel mare annebbiato (della sua mente)

ricorda  , non c’è vento (ricordi che vanno arilento)

e il pensiero stagna .

 

Negli occhi verde mare

un lampo io ho visto

mi è semrato di sentire

un sospiro d’amore.

OH nonno , tutto tranquillo

-Si..tutto tranquillo-

CANTU DI VIDDANU

Sciuscia lu ventuhttp://farm1.static.flickr.com/74/208996824_7f3100a4d7.jpg
supra la me faccia,
lu suli asciuga
u me suduri.

Travagghia zappuni!  

lu zappuni
mi rumpi l’ossa
e
ni li manu
li caddi, iu sputu.

Travagghia zappuni!  

Stancu sugnu
di travagghiari
ma filici
picchi  ‘nnamuratu
di la terra mia,

…e l’amuri..
 stanchizza
nun fa pisà.

Cantu.

TRADUZIONE: canto di villano    (contadino)  

Soffia il vento
sopra la mia faccia,
il sole asciuga.
il mio sudore.

Lavora zappa!  

La zappa
mi rompe le ossa  
  (modo di dire di lavoro molto pesante)  
e
nelle mani i calli,
    (duroni causati dal manico della zappa, per lo sfregamento)  
io sputo.
     (uso dei contadini per aver più presa con il manico della zappa e alleviare lo sfregamento)  

Lavora zappa!   
    (ripetizione per rafforzare la pesantezza del lavoro e della continuità)  

Stanco sono
di lavorare
ma felice
perché innamorato
della terra mia,

…e l’amore
stanchezza
non fa pesare.

Canto.